sabato 6 agosto 2022

QUALE TRANSIZIONE VOGLIAMO PER CUBA? - DAGOBERTO VALDES HERNANDEZ

I tempi cruciali che stiamo vivendo a Cuba avanzano proposte che aiutano a trovare soluzioni alla crisi sistemica e terminale che dovrebbe essere superata con mezzi pacifici sempre più urgenti e necessari .

Il Centro Studi sulla Coesistenza ( www.centroconvivencia.org ) , il primo think tank indipendente che lavora con i cubani dell'isola e della diaspora, porta avanti da 7 anni un Itinerario di Pensiero e Proposte per Cuba. Nel febbraio 2022 abbiamo potuto culminare un'altra fase di studi con la celebrazione del VII Meeting della CEC, che si è riunito digitalmente sull'isola e presso la Florida International University.

Durante l'evento accademico, sono stati raccolti i contributi dei cubani dell'isola e della diaspora sulla visione e le proposte di due temi importanti per il presente e il futuro di Cuba: La cura degli anziani in una società che invecchia che sarà presentato presto e “ La transizione a Cuba ” che stiamo cercando di presentare.

Venerdì 16 giugno 2022 , dopo il necessario processo di compilazione e revisione abbiamo pubblicato il Rapporto XII CEC sul sito web Coexistence : “La transizione a Cuba: memoria storica, giustizia di transizione e riconciliazione nazionale Visione e proposte”. Il Rapporto conta 37 autori, 41 pagine e si compone di sei capitoli: Concetti o ricerche bibliografiche; Visione di una transizione a Cuba: memoria storica, giustizia di transizione e riconciliazione nazionale Obiettivi di una transizione a Cuba Strategie per una transizione a Cuba ;Proposta di legge per realizzare una transizione e una Road Map per una transizione pacifica, ordinata, agile ed efficace a Cuba .

Ritengo provvidenziale poter pubblicare e offrire questo frutto dello studio attento e professionale dei pensatori cubani che vi invito a scaricare e leggere nel suo testo integrale disponibile all'indirizzo:https://centroconvivencia.org/wp-content/uploads/2022/04/XII-Informe-Estudios-CEC-La-Transicion-en-Cuba.pdf

Vorrei però fare una sintesi per stimolare la lettura dell'intero testo.

Quale transizione vogliamo?

I partecipanti hanno concordato su questa visione generale su come vorremmo che si svolgesse una transizione a Cuba Il rapporto lo riprende così :

“ Cuba sta portando avanti un processo di transizione pacifico, ordinato, agile ed efficace. Questo processo avrà come principio, orientamento e significato il primato e la piena dignità di ogni persona umana, nonché la ricerca del bene comune della società”.

“Questo processo include una tabella di marcia composta da questi fili complementari, sinergici ed essenziali: Memoria e Verità Storica, Giustizia Transitoria, Riparativa e Integrale; e Riconciliazione Nazionale a medio e lungo termine”.

“Se uno di loro mancasse, la transizione fallirebbe o, in tempi a venire, le ferite falsamente chiuse si riaprirebbero a causa dell'assenza di una di queste componenti di qualsiasi vera transizione. Questa visione generale è composta da queste tre visioni sui fili complementari, sinergici ed essenziali che costituiscono la tabella di marcia per una transizione pacifica, ordinata, agile ed efficace”.

Come si vede, si tratta di un processo complesso formato da tre componenti essenziali: verità e memoria; giustizia di transizione e globale; e riconciliazione nazionale. Tutti questi passaggi correlati devono avere queste quattro caratteristiche generali: pacifica, per evitare ogni violenza; ordinato, in modo che il caos non si diffonda; agile, perché i cittadini non disperino; ed efficace, in modo che non vi siano frodi o tradimenti l' obiettivo finale della transizione sia raggiunto che è quello di andare verso un sistema democratico.

Quali sarebbero processi principali ?

Per raggiungere questa visione globale, vengono proposti obiettivi e delineate anche strategie che sono "percorsi" per raggiungere tali obiettivi. Inoltre, vengono proposte leggi specifiche per regolamentare e ordinare legalmente questi processi Si riassume in una "road map" per orientare la strada e non perdere la direzione. Di seguito mi permetto di citare solo alcuni paragrafi principali che dovrebbero essere sempre letti e interpretati nel contesto e nella piena logica della Relazione .

Se questo itinerario fosse realizzato, si otterrebbero i seguenti risultati:

Cuba è ancora una volta un paese in armonia, la verità è restaurata, la memoria storica recuperata, la giustizia di transizione, riparatrice e globale è amministrata senza vendetta e rapidamente per evitare sia l'impunità che la vendetta, e un processo di riconciliazione nazionale è promosso in profondità e a lungo. termine."

"I processi educativi, normativi e mediatici che devono accompagnare questo percorso riescono a promuovere virtù e valori, criteri di giudizio e atteggiamenti di una vita nella verità, giustizia, libertà e amore, insieme alla promozione di una matrice di parere favorevole. a questi processi e la loro sostenibilità nel tempo. Cuba riesce ad essere, moralmente, legalmente, culturalmente e nella pratica quotidiana, uno Stato di diritto dotato di una Costituzione consensuale, come un nuovo patto sociale”.

Proposte

Il Rapporto formula, tra l'altro, queste proposte:

“Un percorso autentico ed efficace di transizione pacifica a Cuba dovrebbe necessariamente includere la presa in considerazione di questi quattro bisogni e processi che forniscono una soluzione:

1. Di fronte alla menzogna storica e all'amnesia degli errori passati, è necessario un processo di Verità e Memoria Storica.

2. Date le ingiustizie e i crimini commessi e il pericolo che rimangano impuniti, è necessario un processo equo, sereno e agile di giustizia di transizione.

3. Di fronte a possibili reazioni di odio, vendetta, vendetta e caos violento, è necessario un processo di magnanimità e di perdono, senza amnesia o impunità.

4. Di fronte alle divisioni, fratture e disarticolazioni della persona cubana, del tessuto sociale, dell'anima nazionale, delle leggi e delle strutture, è necessario un processo di riconciliazione nazionale che comprenda, al suo interno, sinergie complementari e olistiche , a queste quattro componenti indissolubilmente correlate. Nessuno di loro può mancare o negare gli altri. "

Credo fermamente e confido che tutti i cubani, dell'isola e della diaspora, di tutte le età, condizioni, credenze e opinioni, dipenderanno dal fatto che Cuba possa dare al mondo un esempio di transizione ordinata, pacifica agile ed efficace che ci conduce verso una democrazia di qualità e un'ecologia sociale che favorisca lo sviluppo umano globale di tutti i cubani” (Valdés D. “Riconciliazione nazionale a Cuba.” Rivista Convivencia, 27 dicembre 2021).

Questo Rapporto e gli altri dodici prodotti dalla CEC su altri settori e argomenti sul futuro che vogliamo per Cuba mostrano che c'è molto talento, impegno, lavoro senza rumore e amore per la Nazione formata dai suoi figli su l'Isola e la Diaspora Non si dica che non ci sono proposte di dibattito, che non c'è visione del futuro, che non ci sono cubani che serenamente e con perseveranza pensano a Cuba, da Cuba e per Cuba.

Leggiamo, studiamo e discutiamo queste e tutte le altre proposte. È urgente e necessario.

Dagoberto Valdés Hernández (Pinar del Río, 1955). Ingegnere agricolo. Master in Scienze Sociali presso l'Università Francisco de Vitoria, Madrid, Spagna. Premi “Jan Karski for Courage and Compassion” 2004, “Tolerance Plus” 2007, Perseverance “Our Voice” 2011 e Patmos Award 2017. Ha diretto il Civic Center e la rivista Vitral  dalla sua fondazione nel 1993 fino al 2007. È stato membro di il Pontificio Consiglio "Giustizia e Pace" dal 1999 al 2007, Alla Perseveranza "La Nostra Voce" 2011 e Premio Patmos 2017. Ha diretto il Centro Civico e la rivista Vitral dalla sua fondazione nel 1993 al 2007. È stato membro del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace dal 1999 al 2006. Ha lavorato come yagüero (raccolta di foglie di palma reali) per 10 anni. È membro fondatore del Comitato Editoriale di Coexistence e del suo Direttore. Vive a Pinar del Río

CUBA: OPPORTUNITÀ E SVILUPPO di JORGE IGNACIO GUILLEN MARTINEZ

 

Parlare di sviluppo può essere spesso complicato, è un concetto polisemico e controverso che alcuni interpretano in un modo e altri in un modo completamente diverso. Non siamo d'accordo su cosa sia lo sviluppo, cosa implichi, come misurarlo, quali modelli economici e sistemi politici creino per esso il meglio. Questo accade a Cuba, ma anche in molti altri paesi del mondo, e non solo con il concetto di sviluppo, ma anche con altri come "democrazia" e "governo".

Tradizionalmente, in economia, lo sviluppo era inteso – e alcuni lo intendono ancora così – come mera crescita economica, ma la storia economica ha dimostrato che questo va oltre, che coinvolge altre variabili e che non può essere affrontato in modo riduzionista, che è così che viene avvicinato da chi lo limita alla crescita economica. Parlare di sviluppo è parlare di equità, parlare di crescita, parlare di redistribuzione della ricchezza, attenzione agli svantaggiati, servizi pubblici di qualità ed efficienti, libertà politiche ed economiche, e tante altre variabili.

Autori come Amartya Sen e altri vicini al suo pensiero hanno stabilito una cattedra su questo argomento, giungendo a conclusioni abbastanza clamorose che indicano che lo sviluppo deve essere inteso anche come un processo di espansione delle capacità umane. E le capacità sono intese come le reali libertà e opportunità che le persone hanno per perseguire il loro progetto di vita, per raggiungere gli obiettivi che si sono prefissate, per realizzare la vita che hanno motivo di apprezzare, nelle parole di Amartya Sen, per crescere personalmente e in vivi sempre più pienamente.

Ora, a questo punto, si può concludere che le opportunità che una società è in grado di creare sono un buon modo per misurare e generare sviluppo. In questo senso, una semplice analisi dell'attuale realtà cubana ci permette di vedere che i problemi di sviluppo a Cuba sono direttamente associati alla mancanza di opportunità che esistono. Ci sono almeno tre tipi di opportunità nel contesto cubano che sono gravemente trascurate, non garantite, o almeno esistono in modo molto limitato.

• Opportunità economiche. Che le persone siano libere di produrre, commerciare, investire, possedere proprietà e il frutto di essa, accumulare ricchezza, senza controlli, freni ed eccessiva burocrazia da parte dello Stato.
• Opportunità politiche. Che le persone possano associarsi, organizzarsi, protestare, partecipare liberamente e attivamente alle decisioni che le riguardano. Che i rappresentanti possano essere eletti, cambiati quando non rispondono agli interessi della società. Garantire sicurezza e libertà per vivere pacificamente al di là delle opinioni o delle ideologie politiche.
• Opportunità sociali. Che diano speranza ai meno abbienti, che garantiscano che nessuno rimanga senza l'accesso ai servizi di base per la vita come l'istruzione, la salute, la cultura, ecc. Che generino tessuto sociale, arricchiscano la società civile, rafforzino il Paese dalle loro comunità. Tra tanti altri.

Una riforma inclusiva e vera, che guidi il Paese lungo percorsi di sviluppo umano integrale, deve partire dall'ampliamento delle opportunità in questi e in altri ambiti importanti, soprattutto per i giovani. Anche una riforma, proposta dall'attuale governo cubano, volta a perfezionare il socialismo, dovrebbe partire da questo. Al di là delle ideologie politiche, le opportunità sono consustanziali alla persona umana e alla sua realizzazione. Avanzare in questa direzione è un buon percorso di sviluppo, potrebbe essere un freno alla profonda crisi che si sta vivendo, ed è un dovere dei dipendenti pubblici. (Convivencia)

 


Jorge Ignacio Guillén Martínez (Candelaria, 1993).
laico cattolico.
Laurea in economia.
Master in Scienze Sociali presso l'Università Francisco de Vitoria, Madrid, Spagna.

 

domenica 24 luglio 2022

Cuba, anniversario delle proteste dell’11 luglio - La riflessione di Amnesty International

 


1.LE PROTESTE FURONO UNA DISPERATA RICHIESTA DI CAMBIAMENTO
 

Quel giorno migliaia di persone scesero spontaneamente in strada in decine di città, in numeri che non si vedevano da decenni, per chiedere un cambiamento delle condizioni di vita. Al centro delle proteste c’erano la mancanza di cibo, di medicine e di prodotti per l’igiene, le continue interruzioni della corrente elettrica, le restrittive misure adottate dal governo per contrastare la pandemia da Covid-19 e la tradizionale politica repressiva dello stato, che da anni causava violazioni dei diritti alla libertà di espressione e di manifestazione pacifica.

 

2.LA REPRESSIONE E LA CRIMINALIZZAZIONE DELLE PROTESTE

Durante le proteste e nelle settimane successive, le autorità arrestarono centinaia di persone senza informare le famiglie sulla loro sorte, posero attivisti e giornalisti indipendenti sotto sorveglianza e bloccarono l’accesso a Internet.

 

3.GLI ARRESTI ARBITRARI COME COLLAUDATA TATTICA DI REPRESSIONE DELLE PROTESTE

Una delle principali e ben collaudate tattiche utilizzate dalle autorità per reprimere le proteste e ridurre al silenzio le persone che la pensano diversamente consiste nel ricorso agli arresti arbitrari. È andata così anche quella volta. Il caso dell’artista e difensore dei diritti umani Luis Manuel Otero Alcantara è emblematico: è stato arrestato dopo che aveva annunciato che avrebbe preso parte alle proteste e, quasi un anno dopo, è stato condannato a cinque anni di carcere solo per aver esercitato il suo diritto alla libertà d’espressione.

Oltre agli arresti arbitrari, a seguito delle proteste del luglio 2021 le autorità cubane hanno bloccato Internet, violato il diritto a procedimenti giudiziari equi, celebrato processi a porte chiuse e fatto costantemente ricorso a sorveglianza e intimidazioni.

Inoltre, hanno provato a disfarsi delle voci critiche proponendo lo scambio “libertà contro esilio”, come nei casi di Esteban Rodriguez e Hamlet Lavastida.

 

4.IL GOVERNO CUBANO SOSTIENE CHE IL SUO OPERATO È STATO LEGITTIMO

Nonostante usino reati che, per la loro formulazione, non trovano corrispondenza nel diritto internazionale, come “disordini pubblici”, “disprezzo” o “istigazione a commettere un reato”, le autorità cubane sostengono che il modo in cui hanno represso le proteste sia stato legittimo. Il presidente Miguel Diaz-Canel ha chiamato a raccolta “i difensori del regime” per reagire violentemente contro coloro che erano scesi in strada. Secondo la narrazione ufficiale, le proteste stavano minacciando “l’ordine costituzionale e la stabilità” dello stato socialista.

La realtà è diversa: a oggi almeno 701 persone restano in carcere, private della loro libertà solo aver espresso la loro insoddisfazione per la situazione nel paese.

 

5.LA COMUNITÀ INTERNAZIONALE CONTINUA A DENUNCIARE LA PREOCCUPANTE MANCANZA DI LIBERTÀ D’ESPRESSIONE

Nonostante i vigorosi sforzi dei governi e delle organizzazioni internazionali, le autorità cubane rifiutano di far entrare nel paese le organizzazioni indipendenti per i diritti umani.

Da un anno a questa parte la situazione a Cuba non è migliorata ma hanno cominciato a emergere le storie di coraggiosa resistenza di centinaia di attiviste e attivisti, giornaliste e giornalisti, parenti di persone ingiustamente perseguitate che uniscono le loro voci a persone di ogni segmento sociale per chiedere il rispetto dei diritti umani.

Le madri dei detenuti hanno prodotto video virali per chiedere alle autorità di risolvere la crisi economica. Le famiglie continuano a protestare per i loro congiunti in carcere nonostante siano minacciate e rischino a loro volta arresti arbitrari e multe. Giornalisti e attivisti continuano a difendere e a proteggere i diritti.

A un anno di distanza dalle proteste dell’11 luglio 2021, continuiamo a pensare che la libertà d’espressione e l’esercizio dei diritti umani potrebbero essere una realtà a Cuba. Per questo abbiamo rinnovato l’appello al presidente Diaz-Canel affinché alla repressione sostituisca il dialogo e promuova spazi di partecipazione plurali in cui le cubane e i cubani possano discutere del loro futuro e renda la protezione dei diritti umani una priorità.

mercoledì 21 luglio 2021

CUBA: l'11 luglio

 

«Una serie di fattori hanno creato questa situazione molto complessa», ha spiegato all’AP Carlos Alzugaray, analista cubano ed ex diplomatico, comprese le sanzioni economiche degli Stati Uniti contro l’isola, in vigore da più di 60 anni. Cuba ha perso 5,5 miliardi di dollari nel 2020 - quasi il doppio di quello che guadagnerebbe in un anno dal turismo - a causa dell’embargo e delle ulteriori sanzioni decise dall’ex presidente Trump e non revocate da Biden. La pandemia da Covid-19, che ha bloccato il turismo, una delle principali fonti di reddito per l’isola, ha aggravato ulteriormente le cose. Ma c’è anche una chiara responsabilità del governo cubano che non ha saputo «fare le riforme affinché Cuba abbia un’economia più forte e più sana», aggiunge Alzugaray. E molti cubani, fatto inedito, in strada hanno cominciato a urlare slogan espliciti: «Libertà, abbasso la dittatura, patria y vida»CONTINUA

Patria y Vida: la rivolta popolare dell'11 luglio a Cuba




È finita, è scaduto il vostro tempo, è stato rotto il silenzio. È finita, sono finite le risate, le lacrime stanno scorrendo 
È finita, non abbiamo paura, è finito l’inganno

È finita sono sessantadue anni che fate danni...CONTINUA

lunedì 16 novembre 2020

Con Biden c'è una speranza per Cuba?

Un secondo mandato al tycoon sarebbe stato per Cuba, con il turismo a zero e una complessa riforma economica che si sta sviluppando, una tragedia annunciata. La vittoria di Biden è una speranza ma bisognerà capire quanto sarà grande questa speranza.
Tutto questo potrà succedere solo se verrà applicata la Direttiva Politica Presidenziale per la Normalizzazione dei rapporti tra Stati Uniti e Cuba firmata nel 2016 da Barack Obama. La Direttiva prevede una politica di compromesso attiva, promozione del commercio e degli investimenti, scambi di ogni tipo e appoggio per permettere a Cuba di entrare in differenti organismi internazionali.
"La nostra politica-afferma la Direttiva-è stata disegnata per appoggiare la capacità dei cubani di esercitare i propri diritti umani e libertà fondamentali, con l’aspettativa che uno sviluppo del commercio permetta un futuro prospero e sostenibile per una maggiore parte della popolazione cubana". Il cambio di Presidenza avviene nel mezzo di una riforma interna dell’economia che promette un forte impulso all’iniziativa privata, maggiore autonomia delle imprese statali e maggiori poteri ai governi locali.
Sarà il nuovo Presidente americano quello che toglierà il blocco, il famigerato ‘bloqueo'? Tutti lo sognano ma pochi cubani lo sperano realmente. Troppe volte sono stati delusi...CONTINUA

mercoledì 5 agosto 2020

Andar La Habana



Andar La Habana. 
Ricordando Eusebio Leal "Historiador" della capitale cubana.